Salta al contenuto
Rss




STATUTO COMUNALE

(approvato con delibera C.C. n.36 del 3.11.2000)

Art. 3
Funzioni


  • Il Comune esercita tutte le funzioni ed i compiti amministrativi necessari alla cura degli interessi ed alla promozione dello sviluppo della comunità comunale, non attribuiti espressamente per legge allo Stato, alla Regione ed alla Provincia.
  • Il Comune concorre nei modi previsti dalla legge a definire gli obiettivi della programmazione provinciale, regionale e statale.
  • Il Comune attua forme di cooperazione tra enti per l'esercizio in ambiti territoriali adeguati delle attribuzioni proprie, conferite e delegate, secondo i principi della sussidiarietà dell'omogeneità delle funzioni, dell'economicità, efficienza ed efficacia della gestione e dell'adeguatezza organizzativa.
  • Il Comune gestisce il servizio elettorale, dell'anagrafe, dello stato civile, di statistica e leva militare ed ogni altro servizio dello Stato e della Regione organizzato a livello locale.
  • Il Comune concorre a promuovere il pieno sviluppo della persona umana e la reale partecipazione dei cittadini alla organizzazione politica , economica e sociale per rendere effettiva la libertà e l'uguaglianza;
  • In particolare, per il raggiungimento dei fini generali e nell'ambito delle competenze riconosciute dalla costituzione e delle leggi dello Stato, il Comune:
    La Città dei Bambini - Logo 1. promuove le condizioni per rendere effettivo il diritto alla salute ed alla sicurezza sociale, al lavoro, all'istruzione dei tutti i cittadini e contrasta ogni forma di discriminazione;
    2. promuove e garantisce l'integrazione sociale tra gli abitanti;
    3. garantisce la tutela del territorio e dell'ambiente attraverso la pianificazione generale del territorio comunale attuando piani per la difesa del suolo, per la prevenzione ed eliminazione delle cause di inquinamento atmosferico, idrico ed acustico;
    4. promuove lo sviluppo della cooperazione e dell'associazione nei diversi settori;
    5. tutela i valori del paesaggio e del patrimonio naturale storico, artistico culturale e religioso promuovendo il progresso della cultura in ogni sua libera manifestazione e mantenendo vive le tradizioni locali e di costume ai fini dell'animazione e dello sviluppo dell'identità socioculturale della comunità definendo anche strumenti urbanistici mirati alla preservazione della peculiarità dell'edilizia rurale, dell'architettura dei cascinali del territorio extraurbano e del paesaggio volti a caratterizzare e preservare la peculiarità tipica del territorio , definibile in terre del riso, e stabilendo l'imprescindibile legame storico culturale di paese sulle strade delle risaie;
    6. organizza ed eroga direttamente e/o indirettamente servizi di assistenza a favore dell'infanzia degli anziani e degli inabili con particolare attenzione alle situazioni di disagio economico;
    7. promuove la razionalizzazione della rete commerciale di vendita favorendo l'associazionismo locale nonché la tutela dei consumatori;
    8. promuove incoraggia e favorisce lo sport dilettantistico ed il turismo sociale e giovanile;
    9. assume iniziative per assicurare un ampia e democratica informazione e partecipazione dei cittadini all'amministrazione locale garantendo un pluralismo delle istituzioni e nelle istituzioni;
    10. riconosce e tutela i diritti del fanciullo nello spirito della convenzione internazionale sui diritti del fanciullo recepita con Legge 176/1991 e favorisce la partecipazione dei ragazzi alla vita collettiva.
  • Il comune allo scopo di favorire la partecipazione dei bambini e dei ragazzi alla vita collettiva può promuovere la costituzione e l'elezione dei consiglio dei bambini e dei ragazzi.
  • Il Consiglio comunale dei Bambini e delle Bambine, dei Ragazzi o delle Ragazze ha il compito di deliberare in via consultiva nelle seguenti materie: politica, ambiente, sport, tempo libero, giochi, rapporti con l'associazionismo cultura e spettacolo, pubblica istruzione, assistenza ai giovani ed agli anziani rapporti con l'Unicef.
  • Viene riconosciuto il Consiglio dei Bambini delle Bambine o dei Ragazzi e delle Ragazze, operante all'interno del Laboratorio "La città dei Bambini o delle Bambine o dei Ragazzi e delle Ragazze" al fine di garantire agli adulti del paese ed in particolare ai suoi Amministratori, il punto di vista giovanile sui vari problemi della vita del paese. Il consiglio opera con proprio regolamento redatto dai bambini stessi.
  • Il consiglio comunale si riunisce almeno una volta all'anno congiuntamente al Consiglio dei Bambini e delle Bambine o dei Ragazzi e delle Ragazze che opera all'interno del Laboratorio "La città dei Bambini e delle Bambine o dei Ragazzi e delle Ragazze" su richiesta dei bambini stessi oppure su richiesta di quest'ultimo.
  • Le modalità di elezione ed il funzionamento del consiglio dei Bambini e delle Bambine dei Ragazzi e delle Ragazze sono stabiliti con apposito regolamento.

di cui all'articolo 3 il riconoscimento e tutela dei diritti del fanciullo L. 176/1991 e a seguire dal comma 10 e nei sottopunti 1/5 il riconoscimento del "Consiglio dei Bambini" del "Laboratorio" della "Città delle Bambine e dei Bambini" dei "Ragazzi e delle Ragazze" con la possibilità di poter deliberare in via consultiva nelle seguenti materie: politica, ambiente, sport, tempo libero, giochi, rapporti con l'associazionismo cultura e spettacolo, pubblica istruzione, assistenza ai giovani e agli anziani, rapporti e iniziative a favore dell'Unicef.





Inizio Pagina Comune di VESPOLATE (NO) - Sito Ufficiale
Piazza Martiri della Libertà n.6 - 28079 VESPOLATE (NO) - Italy
Tel. (+39)0321.882131 - Fax (+39)0321.882741
Codice Fiscale: 00433300035 - Partita IVA: 00433300035
EMail: municipio@comune.vespolate.no.it
Posta Elettronica Certificata: vespolate@cert.ruparpiemonte.it
Web: http://www.comune.vespolate.no.it


|